Inserito in: Casa
19/12/2016

Pulizia quotidiana del WC con Wizzo, un nuovo e sorprendente alleato!

Autore: Iolanda Taddei

La pulizia del WC ha un'importanza innegabile: mantenere in buone condizioni il bagno di casa e, soprattutto, il vaso sanitario è fondamentale per assicurare quel livello di igiene che garantisce la sicurezza per la salute della famiglia, soprattutto quando sono presenti dei bambini!
Certo, con dei prodotti efficaci, molto olio di gomito e la giusta costanza possiamo mantenere il bagno e i sanitari sempre splendenti. Tuttavia, per pulire a fondo il WC dopo ogni utilizzo rimane indispensabile ricorrere al classico scopino.


Ma avete mai pensato al fatto che, venendo ogni giorno a contatto con impurità e materiale organico, lo scopino vince a pieno titolo la palma di oggetto più sporco e antigienico della casa?

Liberarsi una volta per tutte di questo accessorio rappresenta sicuramente la soluzione migliore per rendere davvero igienico e sicuro il bagno, ma sostituirlo può essere un problema quando non si è disposti a investire tempo e denaro nell'installazione di un vero idroscopino.
Da poco abbiamo scoperto un'alternativa sia allo scopino tradizionale, sia al costoso idroscopino. Si tratta di Wizzo, ovvero un “idrogetto a mano” che promette una pulizia efficacie del WC sfruttando un ingegnoso sistema ad acqua compressa. In sostanza, tramite un meccanismo a stantuffo, Wizzo si ricarica di acqua prima di ogni utilizzo e, in un secondo momento, basta impugnarlo come una pompa per la bicicletta e dirigere il getto d'acqua azionato a mano verso lo sporco da rimuovere.
 

Wizzo: il nostro test

Per capire quanto Wizzo sia effettivamente in grado di mantenere le sue promesse, abbiamo deciso di testare questo innovativo e curioso prodotto.

Il design di Wizzo

Partiamo dal design. Wizzo si compone di due elementi: una sorta di “lancia” dalla forma tubolare sormontata da un pomello e una basetta, simile ad un tradizionale portascopino. Il corpo di Wizzo è in acciaio inox, leggero e facile da impugnare, mentre la basetta, che funge anche da serbatoio dell'acqua, è in plastica satinata. Esteticamente, Wizzo è caratterizzato da un design essenziale, ma al tempo stesso raffinato: le linee semplici e geometriche sposano perfettamente lo stile minimal dei bagni di ispirazione moderna, ma questo accessorio può trovare tranquillamente il suo spazio anche in una stanza dal mood tradizionale.
Noi abbiamo scelto la versione completamente grigia, ma in commercio esistono anche la versione bianca, bianca con base grigia e grigia con base bianca.
Le dimensioni e la compattezza di Wizzo sono paragonabili a quelle di un normale scopino per il WC.

Il funzionamento

Per il primo utilizzo, occorre riempire la basetta/serbatoio con della semplice acqua. Le istruzioni di Wizzo raccomandano di non aggiungere prodotti detergenti o sostanze come la candeggina nel serbatoio, che potrebbero intaccarne i materiali. Per riempire la basetta bastano pochi minuti: occorre solo posizionarla sotto al flusso del lavandino.
Abbiamo provato sia conm il lavandino del bagno sia con quello della cucina: le dimensioni di Wizzo non hanno creato problemi e il riempimento è stato sempre molto agevole.
Il funzionamento di Wizzo è intuitivo e una volta presa la mano con il nuovo sistema, pulire l'interno del vaso sanitario diventa quasi un gioco. In questo video viene illustrato come azionare il meccanismo di ricarica di Wizzo e utilizzarlo per eliminare lo sporco:




In sostanza, dopo aver azionato lo scarico del WC, dobbiamo solo premere leggermente verso il basso il pomello di Wizzo: automaticamente, la sua asta scorre verso l'alto, richiamando acqua dalla basetta. L'asta si blocca da sola una volta giunta a fine corsa e, a questo punto, non dobbiamo fare altro che estrarre Wizzo dalla base ed esercitare un po' di pressione sull'asta con la mano: dall'estremità opposta della lancia parte un getto d'acqua sottilissimo ma molto deciso, che in pochi istanti spazza via qualunque residuo dal WC.
Nel corso dei primi utilizzi, non è facilissimo riuscire a dirigere il getto nei punti desiderati, ma basta davvero poco per prendere la mano e capire come rimuovere alla perfezione tutto lo sporco, sia sopra che sotto all'acqua.
Terminato l'uso, Wizzo può essere riposto nella basetta.
Una seconda, interessante funzione di Wizzo è quella di profumatore per ambienti: nella parte superiore dell'asta è presente un piccolo scompartimento all'interno del quale possiamo posizionare un cordoncino di cotone imbevuto di olio essenziale; ogni volta che si aziona il meccanismo di ricarica, l'aria attraversa Wizzo e sprigiona all'interno del bagno il profumo, garantendo così un ambiente sempre pulito e profumato

Manutenzione

Il vantaggio principale di Wizzo sta nel fatto che non è più necessario alcun contatto diretto con le impurità: così, a differenza dello scopino tradizionale, Wizzo non ha mai bisogno di essere igienizzato né sostituito. L'unico tipo di manutenzione necessaria consiste nell'aggiunta di qualche goccia di anticalcare nell'acqua del serbatoio, di tanto in tanto, per eliminare i depositi di calcare che si potrebbero formare all'interno di Wizzo in presenza di acqua particolarmente dura.
In più, periodicamente, occorre aggiungere un po' di lubrificante per favorire il corretto scorrimento del meccanismo a stantuffo.

Considerazioni finali e voto

La convenienza del costo, la robustezza dei materiali e l'efficacia di Wizzo lo rendono un prodotto sicuramente consigliabile: in un colpo solo possiamo rendere il bagno di più bello e funzionale, dire addio per sempre a compiti infelici come la pulizia dello scopino del WC e rendere ancora più sicura la casa per grandi e piccini.
Ecco i nostri voti:


Funzionalità: 5 su 5
Design: 5 su 5
Semplicità di utilizzo: 4.5 su 5 (occorre fare un po' di pratica per prendere la mira)
Igiene: 5 su 5
 

Resta aggiornato su sport e fitness cliccando su Mi Piace
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza