Inserito in: Maternità
17/12/2012

Si può fare sport in gravidanza?

Autore: Iolanda Taddei

Spesso la gravidanza viene trattata come una malattia; a una donna incinta si consiglia di non fare sport, di ottenere immediatamente l'astensione dal lavoro, di restare quanto più tempo possibile a casa. Si tratta di un grave errore:  il corpo di una donna è perfettamente in grado di sopportare una gestazione ed un parto, dunque non bisogna esagerare con le ansie, che serviranno solo a creare agitazione nel bambino e nella madre. A meno di una gravidanza realmente a rischio, una donna può continuare a lavorare secondo i limiti di legge e può svolgere normalmente la sua vita. Anche lo sport è consentito, purché si sia fatto sport anche prima di restare incinta. Se lo stile di vita era invece sedentario, è bene non cambiare le proprie abitudini durante la gravidanza.

Quali sport fare in gravidanza

In generale, sono consigliati tutti gli sport aerobici e che non provocano traumi. Sì al nuoto, alla camminata o alla corsa leggera, alla bicicletta o alla cyclette. Il nuoto è il re degli sport in gravidanza, perché in acqua la schiena ed il pancione non subiscono stress. Molto indicate anche le discipline che uniscono alla ginnastica le tecniche di respirazione e rilassamento come lo yoga ed il tai chi.
Sono invece vietati gli sport anaerobici, l'agonismo sportivo di qualunque genere, gli sport che possono provocare traumi come le arti marziali, l'equitazione, i tuffi. No a sport in alta quota o in immersione.

Consigli per l'attività sportiva in gravidanza

Lo sport in gravidanza deve essere svolto prendendo alcune precauzioni. Se si utilizzano tapis roulant o cyclette, si possono usare delle fasce cardio o un cardio frequenzimetro da polso per controllare il battito. La frequenza cardiaca non dovrebbe mai superare il 60-65% di quella massima. Più in generale, bisogna evitare che il corpo si affatichi o si surriscaldi: la temperatura corporea deve restare stabile e non si deve sudare in maniera eccessiva. Ogni tipo di esercizio deve essere eseguito con lentezza e calma, ricordando di svolgere lunghi esercizi di riscaldamento e di defatigamento in apertura ed a conclusione dell'allenamento.
Resta aggiornato su sport e fitness cliccando su Mi Piace
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza